lunedì 7 maggio 2007

The Loneliness of the Long-Distance Runner


Mettiamo una canzone che è tanto che non ne scrivo una.
Questa è degli Iron Maiden e quello nella foto è il MIO argine. Il mio argine dove ho vissuto i primi anni di vita, la mia infanzia, dove correvo in bici, dove scivolavo giù con la neve, dove scendevo con lo skate, dove spegnevo i lampioni a calci e dove mi sono sbucciato mille volte le ginocchia.
Ora ci passo di corsa, veloce.

The tough of the track
With the wind
And the rain thats beating down on your back
Your hearts beating loud
And goes on getting louder
And goes on even more til the
Sound is ringing in your head
With ebery step you tread
And every breath you take
Determination
Makes you run never stop
Got to win got to run til you drop
Keep the pace hold the race
Your mind is getting clearer
Youre over half way there
But the miles they never seem to end
As if youre in a dream
Not getting anywhere
It seems so futile

Run on and on
Run on and on
The lonliness of the long distance runner

Ive got to keep running the course
Ive got to keep running and win at all costs
Ive got to keep going be strong
Must be so determined and push myself on

Run over stiles across fields
Turn to look at whos on your heels
Way ahead of the field
The line is getting nearer but do
You want the glory that goes
You reach the final stretch
Ideals sre just a trace
You feel like throwing the race
Its all so futile

2 commenti:

P. ha detto...

lo stesso argine dove mi hai sabotato la bici e dove per poco non crepavo?

ci sono state più morti sfiorate su quei 2 chilometri di asfalto che sulla salerno-reggiocalabria.

GasPanic! ha detto...

Devo mettere anche la foto di dove hai rischiato la vità. Beata gioventu', una volta si che eravamo indistruttibili...

´